Dopo le vacanze estive la maggior parte degli sportivi riprende l’attività fisica. La dottoressa Sabrina Oggionni, dietista del Servizio di nutrizione clinica e dietetica di Humanitas Gavazzeni Bergamo, spiega che il nostro organismo per prepararsi ad affrontare uno sforzo fisico ha bisogno di un particolare regime alimentare. Ecco 8 consigli da seguire prima, durante e dopo una prestazione sportiva:

  1. Nutrire bene il proprio corpo per migliorare i propri risultati sportivi. Se si praticano sport agonistici non servono integrazioni o diete particolari.
  2. Non dimenticare i carboidrati complessi come pasta, riso e cereali. Questi carboidrati sono una buona fonte di energia e diventano indispensabili per affrontare lo sforzo prolungato a cui il nostro corpo è sottoposto. Attenzione alle dosi eccessive perché aumentano le riserve di glicogeno.
  3. Assumere cibi leggeri se si tratta di un’attività sportiva amatoriale come un giro in bici. In questo caso, essendo un’attività fisica di 1 o 2 ore e di lieve intensità non richiede particolari strategie, tranne compensare le perdite idro-saline. Se invece la prestazione impegna diverse ore è bene reintegrare l’organismo assumendo cibi leggeri contenenti carboidrati semplici (biscotti, barrette a base di frutta e cereali o frutta anche sotto forma di succhi).
  4. Combattere la disidratazione bevendo prima, durante e dopo lo sforzo fisico.
  5. Ripristinare i nutrienti al termine della prestazione sportiva: i livelli di glicogeno si possono ripristinare con un giusto apporto di carboidrati (pasta, patate o frutta); ); i tessuti e i muscoli sottoposti al trauma dello sforzo si rigenerano grazie alle proteine (contenute ad esempio in carne, pesce, uova) mentre i sali minerali vengono ripristinati bevendo acqua in abbondanza e consumando frutta e verdura fresche.
  6. Rispettare la regola delle 3 ore: se il pasto viene assunto ad almeno 3 ore dalla prestazione sportiva non ci sono indicazioni particolari; se il pasto è ravvicinato allo svolgimento dell’attività fisica allora è consigliabile mangiare qualcosa di leggero evitando l’assunzione di proteine e grassi che rallentano la digestione.
  7. Regolare i pasti in base all’ora della prestazione. Se la prestazione è mattutina: consumare una colazione leggera. Se l’attività sportiva è di pomeriggio: la colazione deve contenere i macronutrienti necessari (yogurt, frutta e cereali) e il pranzo deve essere ricco di carboidrati e alimenti facilmente digeribili (riso o pasta conditi con sugo al pomodoro o verdure).
  8. Reintegrare i liquidi con sali minerali. L’assunzione di questi elementi favorisce l’eliminazione delle scorie, riducendo l’acidosi metabolica.

 

 

sportivi centro medico effe

© 2013 - 2018 Centro Medico Effe - Poliambulatorio Fisioterapia e Osteopatia - Powered by Riccardo Favero - Informativa Privacy - Cookie - Credits

Telefono        049 55 66 432