Come prevenire il cancro al colon retto


Cancro al colon retto: come prevenirlo? Più cereali integrali e meno carni rosse e insaccati.

Il rischio di sviluppare questa neoplasia, per la fascia di popolazione nata tra il 1980 e il 2000, è quattro volte maggiore rispetto ai nati negli anni Cinquanta. Gli stili di vita poco sani, dominati da un’alimentazione ricca di grassi, proteine animali e zuccheri, sono senz’altro la causa di questo aumento. Perciò è importante la prevenzione soprattutto a tavola tutti i giorni.

Secondo il rapporto dell’American Institute for Cancer Research e del World Cancer Research Fund, redatto da Edward Giovannucci, il rischio di sviluppare il tumore si riduce mangiando tutti i giorni cereali integrali (riso scuro, pane di farina non raffinata) e riducendo il consumo di carni rosse e molto lavorate (salsicce, hot dog, insaccati). Inoltre svolgere regolarmente attività fisica contribuisce ad avere uno stile di vita sano.

I ricercatori hanno rilevato che mangiare in media 90 grammi di cereali integrali al giorno riduce il rischio di tumore al colon retto del 17%. Mentre mangiare carne rossa in eccesso (500 grammi alla settimana) e bere troppi alcolici (2-3 bicchieri al giorno di vino e birra) sono due abitudini che aumentano il rischio di cancro.


Informazioni su Centro Medico Effe

Il poliambulatorio CENTRO MEDICO EFFE di Campodarsego (PADOVA), pone al centro della propria attività l’esigenza del paziente e il suo stato di salute, con l’attenzione e la competenza professionale necessarie a soddisfare ogni bisogno di diagnosi e cura. Il poliambulatorio raggiunge tale obiettivo avvalendosi di un’equipe di professionisti altamente specializzati e di strumentazione sia diagnostica che riabilitativa all’avanguardia. Il trattamento dati del paziente è completamente informatizzato, nel pieno rispetto della privacy, pilastro fondamentale in ambiente sanitario. L’ambito riabilitativo è seguito con estrema professionalità dal Dott. Favero Riccardo, Fisioterapista e D.O Osteopata di scuola Francese, con pluriennale esperienza in ambito sportivo di primo livello sia nazionale che internazionale.