Percorso Donna


BENESSERE DONNA è un percorso ideato dal Centro Medico Effe

Dedicato a tutte le Donne in continua evoluzione.

 

 

Tre differenti percorsi per altrettanti momenti della vita

 

RAGAZZE

 

GIOVANI RAGAZZE CHE CRESCONO E LE LORO MAMME 

per affrontare insieme le problematiche adolescenziali

preadolescenza e adolescenza rappresentano una fase critica lungo le varie tappe della vita, che va ad intaccare l’equilibrio dell’intera famiglia. Di fronte a numerosi cambiamenti, si aiutano le mamme e le figlie a conoscere più approfonditamente i meccanismi di pensiero che stanno alla base di determinati comportamenti e atteggiamenti. E’ fondamentale, quindi, aiutare le mamme nel creare un rapporto libero e spontaneo con la propria figlia, agevolando una comunicazione efficace e diretta. E aiutare ogni ragazza nel fare delle scelte consapevoli e informate per diventare un’adulta attiva e costruttiva del proprio futuro.

Adolescenti-e-genitori

 

3 pacchetti da 4 incontri:

 

  • PACCHETTO AFFETTIVITA’ E SESSUALITA’: 2 incontri con le mamme e 2 incontri con le figlie affrontando il tema dell’affettività e sessualità, senza timori e tabù, cercando di percepire questi aspetti come parte integrante della vita di ogni persona a cui non bisogna sfuggire ma saper gestire adeguatamente.
  • PACCHETTO DIPENDENZE: 2 incontri con le mamme e 2 incontri con le figlie riguardo l’uso e abuso di fumo, alcol, droga, internet, gioco d’azzardo.
  • PACCHETTO BULLISMO: 2 incontri con le mamme e 2 incontri con le figlie riguardo le dinamiche del bullismo maschile e femminile; come prevenirlo, come difendersi, come reagire se succede.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

DONNE

 

DONNE IN GRAVIDANZA E DOPO IL PARTO

per dedicarsi serenamente a questo periodo così emozionante e unico

 

progetto donna2

COPPIA E FAMIGLIA

 

Per chi desidera mantenere la propria privacy nell’affrontare situazioni di vita che creano disorientamento e negatività, a favore di una crescita personale, un aumento della qualità della vita, verso un pensiero più positivo del futuro. Viene posta attenzione agli stili di vita adeguati, autostima, autoefficacia, gestione dello stress, consapevolezza e messa in atto di talenti e competenze, empowerment, sotto un’ottica di prevenzione del disagio.

  • Genitorialità: rapporto con i figli nelle varie fasi della vita (neonatale, infanzia, adolescenza)
  • Problematiche adolescenziali (incontri con i ragazzi e genitori)
  • Gravidanza e post-parto: accompagnamento alla genitorialità. Sostegno anche in caso di problematiche preesistenti o complicazioni durante la gravidanza e dopo la nascita.
  • Adultità e invecchiamento: momenti critici

 

3

 

MATURITA’

 

DONNE OVER 50

per guardare al futuro con positività e soddisfazione

 

50 anni

dopo i 50 anni la donna si trova di fronte a numerosi cambiamenti fisici, psicologici e sociali, di grande impatto sulla  quotidianità, che la porta a fare delle riflessioni e considerazioni su se stessa e  una valutazione degli anni trascorsi. Essendo in continua evoluzione e trasformazione ha quindi sempre più bisogno di esprimere se stessa e le proprie emozioni. Questo spazio permette alla donna di mostrarsi come desidera, riscoprendo la propria creatività e interessi, confrontandosi in modo costruttivo con le altre donne e guardando al futuro nella ricerca di nuove soddisfazioni.

2 PACCHETTI DA 4 INCONTRI:

  • PACCHETTO NUM. 1:
  1. Come affrontare il tempo che passa. Accettare e apprezzare i cambiamenti fisici, psicologici, sociali nell’età matura.
  2. La rete sociale: l’importanza delle relazioni sociali.
  3. Affettività, amore, sessualità: ritrovare l’intimità e l’intesa di coppia; riscoprire le emozioni con persone nuove.
  4. Nonnità: il difficile lavoro di essere nonni!
  • PACCHETTO NUM. 2:
  1. I vari ruoli sociali: una donna, tanti ruoli sociali da dover conciliare.
  2. Riscoprire la propria femminilità: la bellezza esteriore e interiore.
  3. Come affrontare gli eventi spiacevoli: le risorse per poter gestire le emozioni negative.
  4. Hobbies, interessi, creatività: la curiosità è donna!

 

 

2

Questi tre percorsi seguiti dalla Nostra Dottoressa Barbara Dardi dove svolgerà terapia di gruppo.

 

 

PERCHE’ INCONTRARSI IN GRUPPO?

Incontrarsi in gruppo permette ai vari membri di condividere una problematica comune a tutti, avvertire che le proprie difficoltà sono vissute anche da altre persone e di conseguenza aiuta a non sentirsi soli. Il confronto con gli altri permette di rendersi conto dell’universalità delle esperienze, infondendo speranza, dando sollievo e spingendo all’apertura, abbassando la paura di non essere accettati.

La condivisione dei propri pensieri e dei propri disagi permette di creare un clima rilassato, in cui si sviluppano sentimenti di fiducia e confidenza reciproca che spesso non si ritrovano in altri contesti di gruppo nella vita quotidiana, anche in famiglia. Man mano che si parla, ci si ascolta e ci si confronta, ci si sente meno imbarazzati, aumenta progressivamente il livello di confidenza, di apprezzamento, la sensazione di sentirsi capiti, che porta a diventare più coraggiosi nel parlare di sé. Grazie ad un ambiente emotivamente protetto, curato, di reciprocità solidale, ci si sente liberi di esprimersi; abbassando il proprio livello di difese, si possono  instaurare rapporti gratificanti e funzionali da riproporre in altri contesti di vita.

Una partecipazione emotiva crescente aumenta l’autostima percepita e di conseguenza la consapevolezza dei propri pensieri, vissuti, emozioni, facilita l’espressione dei propri sentimenti, appropriandosi quindi di quel potere personale che sta alla base della libera scelta di agire in sintonia con i propri desideri personali. Si diventa così meno passivi e più capaci di incidere sulla propria vita. Ci si rende conto di possedere delle risorse che si credeva di non avere perché soffocate dalle proprie paure. Si crea così una  maggiore indipendenza personale.

La situazione di gruppo migliora la comunicazione con gli altri, l’empatia dei sentimenti altrui, facilita il mettersi nei panni di un’altra persona, guardare le situazioni di vita da un’altra angolatura, un altro punto di vista, portando a riproporre nuovi modi di relazionarsi e affrontare la quotidianità. Scambiarsi opinioni e pareri fa crescere l‘altruismo e il sentirsi utili per gli altri, mostrando un potenziale d’aiuto e accrescendo così l’autostima.

In gruppo si assume più consapevolezza dei propri comportamenti sociali efficaci e non efficaci, sperimentando attraverso l’esperienza di gruppo comportamenti più adattivi e acquisire abilità sempre più complesse, grazie anche ad un atteggiamento imitativo delle azioni degli altri che a volte non si ha il coraggio di assumere.