Ostetricia


Dott.ssa Barbara Mazzuccato

OSTETRICA

 

È possibile accedere al servizio di Ostetricia presente nella nostra struttura chiamando il centralino allo 049.5566432 o inviando una mail a [email protected]

CENTRO MEDICO EFFE si trova a Campodarsego in via Roma 34. Nel nostro centro svolgiamo visite ostetriche.

La Dottoressa svolge presso la nostra struttura a Campodarsego le seguenti visite e corsi:

Prima visita ostetrica: anamnesi dettagliata, compilazione cartella ostetrica e documenti sulla privacy, counselling ostetrico su igiene e stile di vita, esami ematochimici e prenotazione ecografie, informazioni sull’assistenza.

Visita ostetrica di controllo (in studio o a domicilio): controllo esami ematochimici, controllo stato di salute, valutazione eventuale rischio, aggiornamento cartella.

Le visite di controllo vengono eseguite:
Tra la 14ᵃ e la 18ᵃ sg
Tra la 19ᵃ e la 23ᵃ sg
Tra la 24ᵃ e la 27ᵃ sg
Tra la 28ᵃ e la 32ᵃ sg
Tra la 32ᵃ e la 36ᵃ sg
Dalla 36ᵃ sg sono previsti controlli più ravvicinati.

Corso di preparazione al parto in gruppo: 8 incontri di un’ora e mezza/due ore, informazioni e lavoro corporeo a partire dal sesto mese di gravidanza.

Corso di Preparazione al Parto

Negli ultimi mesi di gravidanza, il corso di preparazione al parto può essere un’esperienza utile per sentirsi accompagnate e giungere più serene al momento del parto.

Gli incontri sono momenti di informazione, di condivisione e di confronto, di lavoro corporeo e rilassamento; il programma del corso viene stabilito insieme alle gestanti, durante il primo incontro, per permettere loro di scegliere i temi da approfondire. Nel gruppo ogni donna può condividere vissuti, paure e pensieri in modo da stimolare il confronto e la crescita comune.

Il lavoro corporeo completa ogni incontro: stretching, ginnastica dolce, esercizi di consapevolezza e preparazione del pavimento pelvico al parto, esperienze di rilassamento e visualizzazione e lavoro sulla respirazione per preparare le gestanti al travaglio.

 

Obiettivi:

 

  • Promuovere la conoscenza dell’andamento fisiologico del parto naturale
  • Fornire strumenti per affrontare il momento del travaglio-parto e il dolore, spiegandone la sua funzione
  • Sostenere la coppia genitoriale nella fase di pianificazione del parto mediante la compilazione di un’apposita scheda (Birth Plan)
  • Informare sui luoghi del parto e sulle modalità di assistenza
  • Promuovere una continuità assistenziale con la figura dell’ostetrica – dalla gravidanza al puerperio – al fine di incrementare le competenze circa l’accudimento e l’allattamento, di favorire il benessere psico-fisico dell’intera famiglia
  • Creare uno spazio di confronto, di condivisione e una rete di sostegno tra le donne

 

A chi è rivolto:

Donne in attesa che, a partire dal 6° mese, desiderano vivere l’esperienza della maternità e genitorialità in modo attivo.

 

Struttura del corso:

Il corso è strutturato in 8 incontri, a cadenza settimanale, della durata di un’ora e mezza ciascuno.

 

Ogni incontro prevede:

 

  • Attività corporea specifica (esercizi per acquisire consapevolezza e ginnastica di preparazione al parto con particolare attenzione al pavimento pelvico).
  • Approfondimento teorico ed esperienziale su un argomento connesso al tema della preparazione al parto e del momento nascita.
  • Tecniche di rilassamento e di visualizzazione.
  • Confronto tra le gestanti, scambio di opinioni e di feed-back.

 

Al termine di ciascun incontro verrà rilasciata una dispensa informativa.

 

Reperibilità ostetrica: la futura mamma può contattare l’ostetrica 24 ore su 24 , 7 giorni su 7, per dubbi, consigli, visite domiciliari.
Assistenza al travaglio fisiologico a domicilio e accompagnamento in ospedale: se la gravidanza è fisiologica e non sussistono rischi la futura mamma può scegliere di essere assistita da un’ostetrica per la prima parte del travaglio a casa e successivamente essere accompagnata in ospedale per il parto.
Assistenza al travaglio fisiologico in struttura accreditata: per struttura accreditata si intende una struttura ospedaliere, la futura mamma può decidere di avere accanto a se un’ostetrica privata per tutta la durata del travaglio, se la struttura lo permette.
Assistenza domiciliare post parto

Alla dimissione i neogenitori diventano i principali caregiver del neonato; spesso non si sentono ancora del tutto pronti a prendersi cura del proprio bambino perché magari non c’è stato il tempo di chiarire tutti i dubbi e le incertezze durante la degenza ospedaliera, ecco perché viene proposta l’assistenza ostetrica a domicilio, per sostenere ed aiutare i neogenitori in un momento delicato come la nascita di un figlio.

In particolare, l’ostetrica valuta:

  • La cura dell’igiene intima e cura del perineo
  • Le caratteristiche delle lochiazioni (perdite vaginali durante il puerperio) e l’involuzione uterina
  • Il controllo dei parametri vitali (pressione arteriosa e frequenza cardiaca)
  • Il fabbisogno nutrizionale nel post partum
  • La ripresa della sessualità e la contraccezione
  • La cura del seno e il sostegno all’allattamento
  • La cura del pavimento pelvico attraverso la rieducazione perineale per la ripresa del tono muscolare
  • La vitalità del neonato, il peso, la funzionalità urinaria e intestinale, ritmo sonno-veglia, controllo della suzione durante l’allattamento, cura del cordone ombelicale.

 

 

Visita in puerperio: prevede il controllo del benessere di mamma e bambino, sostegno all’allattamento al seno, controllo delle perdite ematiche e cicatrice perineale se presente, counselling sulle norme igieniche e sull’alimentazione.

 

Riabilitazione del pavimento pelvico

 Il pavimento pelvico è l’insieme dei muscoli, delle membrane e delle strutture che chiudono inferiormente il bacino e risultano fondamentali nel sostenere, la vescica la vagina ed il retto. Contribuisce alla continenza vescicale e rettale, sostiene l’utero durante la gravidanza e ricopre un ruolo importante nella funzione sessuale.

L’obiettivo del servizio consiste in un programma di prevenzione ed educazione alla salute nella cura e riabilitazione del pavimento pelvico, dedicato a momenti fondamentali della vita della donna. In particolare, la riabilitazione:

  • In gravidanza mira al training muscolare in preparazione al parto per prevenire i danni perineali ed identificare le donne a rischio di sviluppare alterazioni della statica pelvica.
  • Nel post parto mira al controllo di tutte le donne a 40 giorni dal parto per la prevenzione e la cura di eventuali disfunzioni ed il trattamento delle donne con esiti a distanza di trauma perineale da parto.
  • In età fertile, climaterio e menopausa mira alla prevenzione e alla cura delle disfunzioni del pavimento pelvico.

Sintomi di un anomalo funzionamento del pavimento pelvico:

  • Perdita involontaria di urina, gas e/o feci;
  • Urgenza ad urinare o necessità di urinare spesso;
  • Stitichezza ed emorroidi;
  • Sensazione di peso vescicale o anale ( spesso in caso di prolassi genito-urinari);
  • Insoddisfazione sessuale – Dispareunia (dolore durante il rapporto sessuale);
  • Difficoltà a ritenere un assorbente interno, rumori di aria dalla vagina, fuoriuscita di acqua dalla vagina dopo un bagno.

Tutte le donne che presentano questi sintomi dovrebbero seguire un programma di rieducazione del pavimento pelvico.

Obiettivi della riabilitazione pelvica:

  • Affinare la percezione del proprio muscolo e tonificarlo;
  • Migliorare il riflesso di chiusura perineale durante uno sforzo (tosse, starnuto, sollevamento pesi, esercizi ginnici);
  • Correggere alterazioni della statica lombo-pelvico-vescicale;
  • Migliorare la continenza-minzione;
  • Diminuire il dolore pelvico e migliorare la sensibilità vaginale durante il rapporto sessuale.

Gli approcci per la terapia delle disfunzioni del pavimento pelvico sono essenzialmente tre: riabilitativo, farmacologico e, in ultima battuta, chirurgico.

Il percorso riabilitativo comprende una prima visita per individuare la patologia presente e impostare un programma riabilitativo, che consiste, nella maggior parte dei casi, in sedute di chinesiterapia pelvi-perineale. Le sedute sono individuali e prevedono la presa di coscienza del perineo e dell’anatomia del bacino per poi attivare con la paziente stessa un piano riabilitativo specifico; l’impegno della paziente è fondamentale ai fini del successo terapeutico. Ogni paziente avrà un ruolo attivo nella terapia e apprenderà diverse tecniche di allenamento dei muscoli perineali, che dovrà eseguire anche a domicilio.

Il tempo necessario per trasmettere le tecniche dipende dal problema da trattare e dalla risposta della paziente; generalmente si comincia con sedute settimanali o bisettimanali, per programmare in seguito controlli a distanza.