Epatite: Giornata Mondiale


Oggi 28 luglio 2016 si celebra la Giornata Mondiale contro l’epatite. L’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) invita i Paesi membri a rafforzare l’impegno per migliorare la conoscenza sull’epatite e incrementare l’accesso ai test e ai trattamenti.

In Europa 10 milioni di persone soffrono di epatite B o C, ma la maggioranza di questi non è a conosce
nza. Ogni anno l’Unione Europea registra 57 mila nuove diagnosi di una di queste infezioni. La strategia dell’Oms è garantire i trattamenti a 8 milioni di persone con epatite B o C entro il 2020 e ridurre le infezioni del 90% entro il 2030.

Come ridurre il rischio di contrarre l’epatite B o C?

L’epatite B si trasmette mediante l’esposizione e il contatto con il sangue infetto o utilizzando aghi e siringhe contaminati (per esempio facendo un tatuaggio) e tra persone che s’iniettano droghe per via endovenosa. Inoltre si può trasmettere anche attraverso pratiche sessuali non sicure e da madre infetta a neonato. Ma è possibile vaccinarsi.

«L’introduzione del vaccino contro l’epatite B ha cambiato lo scenario e l’incidenza di questa malattia in tanti Paesi. I benefici del vaccino sono molteplici: si prevengono anche le sue complicanze ovvero l’insorgenza della cirrosi e di alcune forme di tumore del fegato», sottolinea il professor Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas e docente di Humanitas University.

L’epatite C è un virus che si può contrarre utilizzando strumenti non sterilizzati, scambiandosi siringhe per iniettarsi droghe per via endovenosa o con trasfusioni di sangue. Non esiste un vaccino disponibile per l’epatite C, ma sono stati introdotti dei nuovi farmaci molto costosi. Quindi la prevenzione è fondamentale.

Ogni anno, ai circa 170 milioni di individui già infetti, si aggiungono tra i 3 e i 4 milioni di nuovi casi. Su questo punto le associazioni Aned onlus, Epac onlus, Fedemo, L’isola di Arran, Nadir onlus e Plus onlus hanno chiesto al presidente del Consiglio, Matteo Renzi “una maggiore accessibilità ai farmaci e risorse aggiuntive necessarie a garantire un accesso universale alla terapia”.

epatite centro medico effe


Informazioni su Centro Medico Effe

Il poliambulatorio CENTRO MEDICO EFFE di Campodarsego (PADOVA), pone al centro della propria attività l’esigenza del paziente e il suo stato di salute, con l’attenzione e la competenza professionale necessarie a soddisfare ogni bisogno di diagnosi e cura. Il poliambulatorio raggiunge tale obiettivo avvalendosi di un’equipe di professionisti altamente specializzati e di strumentazione sia diagnostica che riabilitativa all’avanguardia. Il trattamento dati del paziente è completamente informatizzato, nel pieno rispetto della privacy, pilastro fondamentale in ambiente sanitario. L’ambito riabilitativo è seguito con estrema professionalità dal Dott. Favero Riccardo, Fisioterapista e D.O Osteopata di scuola Francese, con pluriennale esperienza in ambito sportivo di primo livello sia nazionale che internazionale.